Qualità o convenienza ... entrambi con INTERCRALVICENZA. Insieme è meglio

1 € risparmiato vale + di 1 € guadagnato,       perchè sul risparmio non fanno trattenute

Tour dell'Etruria

 4 GG./3 NOTTI

L'Etruria tra natura leggenda e storia. Viaggio alla scoperta di colori, profumi e storia di luoghi affascinanti, sulle tracce di popoli enigmatici che dal IX secolo a.C al XV secolo hanno dominato gli eventi e la storia dell’Italia centrale. Visiteremo alcuni dei Borghi più belli d'Italia in quel territorio compreso tra l’Arno e il Tevere per rivivere e conoscere le testimonianze del passato, per tornare ai nostri ieri migliori. Ci recheremo a Civita di Bagnoregio sospesa tra le nuvole, il 31 Pitigliano, Montemerano (Borgo più bello d'Italia del 2014) e Saturnia, il 1 Maggio Tarquinia e Viterbo, il 2 Maggio Orvieto. Pullman, guide ed ingressi - trattamento di 3 pensioni complete dal pranzo del 30 Maggio alla colazione del 2 Giugno, in hotel 4 stelle in camere doppie e bevande ai pasti. da € 347

Il  Ponte del 2 Giugno  sia per le strutture alberghiere sia per i bus operator è altissima stagione.

Per tale motivo gli hotel chiedono conferme con largo anticipo - chi volesse pertanto effettuare la gita deve tener conto di questo dato certo, che ci obbliga ad una definizione entro la metà di Dicembre. Oltre la metà delle strutture sono già state opzionate; a noi, l'opzione dell'Hotel Lido Beach & Palace scade ai primi di Gennaio L'hotel è fronte Lago di Bolsena

1° GIORNO 30 Maggio:  Partenza da Vicenza 06:30  Padova ore 07:15 > Civita di Bagnoregio

Soste lungo il percorso e pranzo a Bagnoregio in locale tipico. Nel primo pomeriggio visita a Civita di Bagnoregio (ingresso compreso): borgo costruito su uno sperone tufaceo, parzialmente distrutto nel XVII secolo dallo sprofondamento del terreno, conserva begli edifici con pregiati decori architettonici. 

Al termiine trasferimento in hotel a Bolsena, tempo libero per un giro sulla bellissima spiaggia dell'hotel, cena e pernottamento

2° GIORNO 31 Maggio > Pitigliano > Montemerano > Saturnia - pensione completa

Prima colazione in hotel. Incontro  con la guida e  visita di Pitigliano. Pitigliano: è denominata "la piccola Gerusalemme"

perché a partire dal XVI secolo ospitò una grande comunità ebraica tra le sue mura. E' uno dei borghi storici più affascinanti d’Italia e tappa imperdibile durante il nostro viaggio. Si prosegue per Montemerano: se tutta l’Etruria è magica, arrivando a Montemerano (Borgo più bello d'Italia 2014) sembra di entrare in una fiaba. Un luogo sospeso nel tempo, custode dell'arte romanica del costruire.

Pranzo in locale tipico toscano a Montemerano. A seguire trasferimento a Saturnia e breve visita del borgo. 

La Maremma è una delle terre più belle del mondo e Saturnia ne è l’esempio! E , per un'esperienza indimenticabile, ... visita e/o a fare il bagno alle terme delle Cascate del Mulino dove i fanghi hanno stupende proprietà benefiche.

L’acqua sorgiva delle Cascate del Mulino di Saturnia compie un percorso nelle profondità della terra del monte Amiata della durata di 40 anni. L’acqua sorgiva è minerale perché durante il percorso sotterraneo si mineralizza assorbendo l’anidride carbonica e scaricandola sulle marne e i travertini che, a 200mt di profondità, si disciolgono per effetto della CO2, liberando zolfo, calcio, solfati, magnesio; assorbe inoltre vitamine e gas prima di risalire in superficie alla temperatura costante di 37,5°. Il flusso d’acqua è di quasi 800 litri al secondo: ciò consente alla piscina sorgente un ricambio completo ogni 4 ore, per 6 volte al giorno, rendendola incontaminata. Le acque delle Terme di Saturnia hanno rinomate proprietà terapeutiche, donando relax e benessere al solo immergervisi; eccezionali i fanghi che si depositano sul fondale al termine delle vasche naturali.

 

 

Al termine rientro in hotel per la cena ed il pernottamento.

3° GIORNO 1 Giugno Tarquinia > Viterbo pensione completa

Prima colazione in hotel. Incontro  con la guida e  visita di Tarquinia, 3mila anni di storia ... portati bene - splendida città da sempre emblema della civiltà etrusca, di cui fu uno dei più importanti centri. Ingresso al Museo Nazionale (incluso) che raccoglie preziosi reperti archeologici della zona, allestito nel cinquecentesco Palazzo Vitelleschi, autentico capolavoro architettonico gotico-rinascimentale. Il Museo Nazionale Etrusco di Tarquinia si trova all’interno del Palazzo Vitelleschi, un mix di architettura gotica e catalana, voluto dal Cardinale Giovanni Vitelleschi su progetto dell’architetto Giovanni Dalmata nel 1436. Divenne museo ufficialmente nel 1924, quando alla raccolta di reperti del comune si aggiunsero quelle di famiglie nobiliari tarquiniesi, rendendolo uno dei musei più ricchi ed importanti d’Italia.

Pranzo in locale tipico con menu degustazione.

Nel pomeriggio trasferimento a Viterbo e visita della città con il nucleo storico protetto ancora oggi dalle antiche mura di fortificazione, ricco di fontane e piazze che nasconde degli scorci medievali come il quartiere S.Pellegrino. La città vanta origini etrusche e visse il momento del medioevo quando divenne sede papale. Rientro in hotel per la cena e pernottamento.

° GIORNO 2 Giugno  > Orvieto > rientro

Prima colazione in hotel. Al mattino trasferimento a Orvieto, salita con la funicolare / scala mobile (compresa nei costi)  ed incontro con la guida; visita della città, sorta su una rupe di tufo, a dominio della valle del fiume Paglia e città del Corpus Domini, istituito nel 1264 da Papa Urbano IV. Ricca di monumenti e luoghi di interesse, Orvieto, in epoca medioevale fu sotto il pieno controllo della Chiesa, vedendo un’alternanza di papi risiedervi, fra cui: Urbano IV(1261-1264); Gregorio X Visconti (1271- 1276); o Martino IV de Brie (1281-1283). Ciò spiega l’attuale presenza di antichi edifici definiti Palazzi Papali che in passato furono dimora per vari pontefici. Il complesso architettonico dei Palazzi Papali è posto sul lato settentrionale annesso al retro del Duomo. Il Duomo di Orvieto è definito una delle cattedrali più belle del mondo, capolavoro dell'architettura gotica dell'Italia centrale. (ingressi compresi nel prezzo Duomo, Tesoro della Cattedrale, Cappella di S. Brizio, Palazzi Papali, Chiesa S. Agostino ). Pranzo libero al termine della visita e partenza per il rientro, con soste lungo il percorso e arrivo previsto in serata.

QUOTA DI PARTECIPAZIONE INDIVIDUALE:

347 CON MINIMO 50 PARTECIPANTI paganti quota intera

364 CON MINIMO 40 PARTECIPANTI paganti quota intera 

396 CON MINIMO 30 PARTECIPANTI paganti quota intera

LA QUOTA COMPRENDE: Viaggio in pullman riservato Granturismo, autista, pedaggi autostradali, permessi e parcheggi pullman;

Trattamento di 3 pensioni complete partendo dal pranzo del 30 Maggio alla colazione del 2 Giugno, con sistemazione in hotel 4 stelle in camere doppie con servizi privati; Bevande ai pasti (¼ vino + ½ acqua minerale per persona a pasto);

Servizio guida come da programma; ingressi menzionati, accompagnatore; radiotrasmettitori per tutto il periodo e assicurazione medico bagagli.

LA QUOTA NON COMPRENDE: supplemento singola € 75 per intero periodo;

pranzo del giorno 2 Giugno, ingressi non specificati, Tassa di soggiorno e tutto quello non indicato nella quota comprende.

Essendo il ponte del 30 Maggio altissima stagione necessita bloccare hotel guide e pullman con largo anticipo.

ISCRIZIONI a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.  entro il 18/12/2019 - Al raggiungimento del numero minimo viene inviata mail per versamento acconto di € 150 per persona saldo entro 5 Aprile.

 

APPROFONDIMENTI

Civita di Bagnoregio, gioiello unico al mondo, è considerato uno dei borghi più belli d’Italia, ed è soprannominata la “città che muore”, proprio per il suo destino lento ed inesorabile che l’ha condannata all’erosione. Civita di Bagnoregio è un borgo “sospeso” tra il cielo e la terra: si erge sul cocuzzolo della montagna, a picco su un immenso territorio circostante ed è collegata al resto del mondo, da un sottilissimo e lunghissimo viadotto in cemento. A capitarci così,  in un giorno di nebbia quando  la piana è sommersa dalla sua  coltre ovattata e solo la sommità del vecchio borgo affiora da un ipotetico nulla, Civita sembra un’isola incantata sospesa tra sogno e realtà. Ed anche quando la nebbia si dirada resta il sogno, immutato nel tempo, che ritorna prepotente con le fiabe che vanno scomparendo.

Questo pittoresco borgo ha origini antichissime. A plasmarlo a loro “immagine e somiglianza” , 2500 anni fa, furono proprio gli Etruschi, che contribuirono a rendere Civita una città fiorente, sia dal punto di vista del commercio che per la magnificenza delle opere a cui diedero vita, come per esempio quelle di canalizzazione delle acque piovane e di contenimento dei torrenti.

Al termine trasferimento in zona lago di Bolsena, sistemazione in hotel 4* per la cena ed il pernottamento. L'hotel è fronte Lago di Bolsena, il lago di origine vulcanica più grande d’Europa in mezzo ad un paesaggio naturale , tranquillo ed incontaminato così come le sue acque. Le camere verranno assegnate in ordine all'adesione.

 - il primo impatto è indimenticabile. Una schiera di case a picco sullo sperone di tufo, come a volere sfidare la legge di gravità. Il secondo non è da meno, con il dedalo di viuzze medievali che intersecano le tre strade principali parallele e terminano a strapiombo sulla valle del Lente. 

 Un microscopico borgo a forma di cuore delineato ai contorni da un affascinante colle ricco di cipressi e di ulivi, dove il tempo sembra essersi fermato al XIII secolo. Visiteremo la chiesa di San Giorgio, con origini risalenti al ‘300 ma consacrata, come afferma la lapide sulla facciata, nel 1430. Si tratta dell’edificio religioso più importante della Maremma meridionale, gioiello di arte romanica che conserva al suo interno un’eccezionale collezione di opere d’arte rinascimentali, probabilmente senza eguali in Maremma. La celebre “Madonna della Gattaiola“, creata intorno al 1450 da un artista della scuola del Sassetta, dal soprannome che concede poco all’immaginazione: “Maestro di Montemerano”.

La peculiarità è che ha un foro circolare nella parte inferiore. Leggenda vuole che un parroco, usando la tavola come porta d’un magazzino infestato dai topi, l’abbia bucata per far passare i gatti. Ecco perché: “Madonna della Gattaiola”. Le pareti sono decorate con affreschi della scuola senese del XV sec.. Tra le opere più interessanti, un Polittico di Sano di Pietro del 1458. Sempre a Montemerano, nell'antica Pieve di San Lorenzo una targa ricorda che lì prima esisteva l’antico monastero della Pieve e ammonisce: “Qui il tempo si è fermato e si ascolta il silenzio”.

 

Se le leggende che si raccontano sul modo in cui è nato il borgo di Saturnia sono molto suggestive, non lo sono da meno i racconti storici. Saturnia è infatti un borgo davvero molto antico, il più antico d’Italia. Le prime tracce di un insediamento umano risalgono all’età preistorica, ma di certo il territorio fu abitato in epoca etrusca quando il luogo era chiamato Aurinia. Non si sa se Aurinia derivi dal nome della divinità delle acque etrusca, o  da "città dell'oro" che poi i Romani ribattezzarono Saturnia. In epoca romana, le splendide terme vennero conosciute e sfruttate in modo intensivo ed eletto dai Patrizi romani a luogo di villeggiatura termale della Roma bene.

Col passare del tempo, Saturnia divenne una delle più belle e ricche città dell’Etruria e nel 183 a.C. Aurinia divenne una prefettura di Roma e presto ebbe più di 25.000 abitanti: si potrebbe dire che sia stata la New York dell’Impero Romano ed è riconosciuto ora come uno dei luoghi più affascinanti della Toscana; le sue origini antiche si palesano ad ogni respiro. Nella piazza principale, potremo passeggiare tra antichi reperti romani, scoprire, attraversando gli stretti vicoli, le antiche colonne etrusche e gli antichissimi bagni, fino ad arrivare alla porta di accesso, Porta Romana, edificata sotto l’Impero Romano.

Narra l’antico mito che il dio Saturno, padre di Giove, un giorno si adirò con gli uomini, che erano sempre litigiosi e pronti ad azzuffarsi tra di loro. Fu così che scagliò uno dei suoi fulmini sulla Terra. Il fulmine si abbatté sulla Toscana e diede vita ad una falda acquifera che iniziò a zampillare facendo fumo, poiché l’acqua che ne sgorgava era calda. Chi si bagnava in quelle acque subito diventava mite e mansueto. Ecco come nacquero le Terme di Saturnia.Le acque sulfuree che hanno reso famosa questa località nascono sul Monte Amiata e attraverso un percorso sotterraneo raggiungono Saturnia e sgorgano alla temperatura costante di 37°; scavate nella roccia sfruttano le proprietà straordinarie dell'acqua sulfurea con la quale si praticano particolari trattamenti estetici e si curano alcune malattie.   costume ciabattine antiscivolo e sacchetti stagni. L’acqua sorgiva delle Cascate del Mulino di Saturnia compie un percorso nelle profondità della terra del monte Amiata della durata di 40 anni. L’acqua sorgiva è minerale perché durante il percorso sotterraneo si mineralizza assorbendo l’anidride carbonica e scaricandola sulle marne e i travertini che, a 200mt di profondità, si disciolgono per effetto della CO2, liberando zolfo, calcio, solfati, magnesio; assorbe inoltre vitamine e gas prima di risalire in superficie alla temperatura costante di 37,5°. Il flusso d’acqua è di quasi 800 litri al secondo: ciò consente alla piscina sorgente un ricambio completo ogni 4 ore, per 6 volte al giorno, rendendola incontaminata. Le acque delle Terme di Saturnia hanno rinomate proprietà terapeutiche, donando relax e benessere al solo immergervisi; eccezionali i fanghi che si depositano sul fondale al termine delle vasche naturali.

 

Tremila anni di storia, testimoniati dall’eccezionale patrimonio di tombe etrusche decorate con pitture parietali; uno dei più importanti siti archeologici d’Italia, e di fatto la più grande pinacoteca sotterranea a livello mondiale. Un nucleo medioevale, con le sue chiese, i palazzi, le abitazioni e le 32 torri, una grande storia che sconfina nella leggenda e della leggenda stessa si nutre.

 

N.B. Stiamo verificando la possibilità di avere un ausilio elettrico per la salita a Civita di bagnoregio per coloro che hanno difficoltà per la salita - costi in definizione. 

N.B. Precisiamo che il viaggio prevede la visita a piedi di siti con terreni sconnessi e di aree sotterranee accessibili esclusivamente per mezzo di scale, si raccomandano scarpe adeguate

In caso di necessità il programma potrebbe subire dei lievi cambiamenti equivalenti a quanto stabilito.

Per i non tesserati è dovuta la quota tessera annuale pari a 12 euro.

Organizzazione tecnica:PROMOTUSCIA

 

N.B. Ai sensi della Convenzione internazionale relativa ai contratti di viaggio, così come ratificata con legge 27 dicembre 1977 n°1084, si rende noto ai partecipanti che l’Associazione INTERCRALVICENZA è un mero "intermediario di viaggi", pertanto non risponde per eventuali disagi o danni, di qualunque natura, che dovessero verificarsi nel corso del soggiorno e del viaggio, essendo direttamente responsabile, per i relativi servizi, il Bus Operator e la struttura alberghiera. Conseguentemente, fra i partecipanti e l’Associazione INTERCRALVICENZA intercorre un contratto di intermediario di viaggio, come definito dal paragrafo 3 dell'articolo 1, dall'art.17 e 22,comma3 dell'anzidetta legge.

 
 
 
 
 

CIAO RICCARDO

Non un libro, ma ... "Una storia d'amore, verso la famiglia e la vita, verso la musica e i viaggi e verso se stessi. Con al proprio fianco un giovane laureato in sociologia ad ispirarti e ad aiutarti. È la storia di due sognatori, di un padre e di un figlio, di un adulto e di un giovane: due uomini con lo spirito profondo e dalle passioni genuine che, come tutti i sognatori, incontrano difficoltà e ostacoli nel loro cammino. Ostacoli atti a rafforzare ancor più il desiderio di esprimere al mondo quel che hanno dentro. Una storia d'amore e di forza, una storia fatta di poesia e umanità ricca di semplici eventi quotidiani, forti emozioni e tanta magia. Il libro è ambientato in molti luoghi: dal Salento a Tenerife, da Roma a Milano e con descrizioni dettagliate dei posti e delle persone coinvolte."

COSI' VOLLE LA PICCOLA FARFALLA  l'ultimo capitolo di una storia dedicata a mio nipote Riccardo scritta a 4 mani - dal padre e ... dal figlio.

QUI lo puoi acquistare on line e leggere un'anteprima Nelle librerie a € 22  - a noi scrivendo a info@tommyblues.com € 15 + spese di spedizione circa  € 3 (necessita mantenere l'oggetto pre impostato)

Template Settings

Color

For each color, the params below will give default values
Tomato Green Blue Cyan Dark_Red Dark_Blue

Body

Background Color
Text Color

Header

Background Color

Footer

Select menu
Google Font
Body Font-size
Body Font-family
Direction

INFORMATIVA ai sensi degli art. 13 e 14 del Regolamento UE 2016/679 ("GDPR” o "Regolamento”), ed in generale in osservanza del principio di trasparenza previsto dal Regolamento medesimo. Questo sito o gli strumenti terzi utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella Informativa cookies. Per maggiori informazioni o per negare il consenso all'uso dei cookie consulta la nostra informativa sui cookies. Cliccando su OK, o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa estesa alla pagina https://www.intercralvicenza.com/index.php/informativa-cookies